“Ti stacco la testa”: calci e schiaffi ai bimbi nell’asilo lager, maestra denunciata

carabinieri monza-maestra

Una maestra di 59 anni di una scuola dell’infanzia nel Monzese è stata interdetta per un anno dall’esercizio della professione con l’accusa di aver maltrattato i suoi alunni, 17 bambini di età 3-5 anni, di cui uno con disabilità. I militari della Compagnia di Monza hanno avviato le indagini dopo aver ricevuto alcune segnalazioni sui metodi “sospetti” della donna che è stata poi indagata.

I carabinieri hanno quindi installato alcune telecamere e microfoni all’interno della classe, raccogliendo, in due mesi di accertamenti, “un quadro indiziario completo“, che, consegnato alla Procura, ha consentito quindi all’autorità giudiziaria di emettere un provvedimento cautelare.

“Dalle intercettazioni ambientali – si legge in una nota dei carabinieri – è emerso come la maestra, in modo abituale, aggredisse i bambini con calci, schiaffi, trascinamenti di peso, associati a imprecazioni e insulti, come ‘ti stacco la testa’, ‘ti taglio le mani’, ‘oca, beduini’ e altri“.

Se un bambino non eseguiva i suoi ordini, se rispondeva o disattendeva le sue aspettative, la donna reagiva trascinandolo per i vestiti, per le braccia o aggredendolo a calci e pugni. Il quadro indiziario completo raccolto dai militari è stato consegnato alla Procura, che ha emesso la misura cautelare dell’interdizione dall’esercizio della professione, notificata alla maestra nei giorni scorsi.

 

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.