Scuola primaria: addio ai voti, tornano i giudizi. Sarà più facile giudicare attitudini e specificità degli alunni

scuola studente studenti

Tornano i giudizi descrittivi per gli allievi dai 6 agli 11 anni, vanno in archivio le valutazioni in decimi che hanno contrassegnato gli ultimi anni. A stabilirlo è stato il ministero dell’Istruzione con l’Ordinanza 172 del 4 dicembre inviata alle scuole.

Niente più voti numerici nella valutazione periodica e finale, secondo quanto stabilito dal Decreto Scuola approvato lo scorso mese di giugno.

Per l’amministrazione scolastica il ritorno al giudizio descrittivo per ognuna delle materie scolastiche è importante perché permette una valutazione più trasparente ed esaustiva per ogni alunno; il voto numerico non permette di fare una disanima differenziata da studente a studente.

Da quest’anno, quindi, i maestri dovranno apporre dei giudizi per descrivere il comportamento, l’educazione, il rispetto dei loro alunni per gli altri. Le scuole avranno due anni di tempo per portare a regime le indicazioni contenute nelle Linee Guida.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “ben vengano i giudizi descrittivi, poiché aiutano molto nella valutazione delle attitudini e specificità dell’alunno, mettendo in risalto le sue predisposizioni. Ci aspettiamo anche, a questo punto, che si dia seguito a un piano di formazione sia dei docenti della scuola primaria sia dei dirigenti scolastici a capo degli istituti comprensivi, quindi chiamati a predisporre le deliberazioni collegiali necessarie e provvedere all’aggiornamento del Ptof dell’istituto da loro diretto. In questo senso c’è un impegno dell’amministrazione ed è bene che si realizzi subito”.

Comunicato stampa Anief

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.