Sconfitta per il MIUR: risarcimento per il personale della scuola a tempo determinato

sindacato sindacati scuola

Risarcimento da parte del Miur a favore di un ricorrente di MSA scuola a causa dell’abusiva reiterazione dei contratti a tempo determinato, oltre i 36 mesi. A sancirlo il Tribunale del Lavoro di Ragusa.

A seguito di un ricorso promosso da MSA scuola, patrocinato dallo Studio Legale Ricorsi Scuola degli Avvocati Zinzi e Bongarzone, con una recente sentenza, il Tribunale del Lavoro di Ragusa ha dichiarato abusivo il susseguirsi di contratti a tempo determinato oltre i 36 mesi e ha obbligato il Miur ad un risarcimento a favore del ricorrente.

Nello specifico, la sentenza stabilisce quanto segue. In primis, condanna il Ministero a risarcire un’indennità pari a 3 mensilità, comprensiva di interessi e rivalutazione monetaria.

In secondo luogo, dichiara il diritto del ricorrente a vedersi riconosciuta l’anzianità di servizio, maturata dal primo contratto a tempo determinato, e la conseguente progressione stipendiale, al pari dei colleghi a tempo indeterminato.

Infine, condanna il Miur al pagamento della differenza retributiva tra quanto percepito e quanto dovuto a seguito del riconoscimento dell’anzianità di servizio.

“Siamo soddisfatti per questa nuova vittoria firmata MSA e ricordiamo che per tutto il personale docente e ATA che abbia stipulato almeno tre contratti a termine della durata di un anno cadauno è attivo il ricorso Risarcimento danni 36 mesi al fine di ottenere il risarcimento dei danni derivante dalla reiterazione dei contratti a termine da parte del Miur” commenta il Prof. Scandura Luciano, responsabile del comparto MSA scuola.

L’adesione al ricorso “Risarcimento danni 36 mesi” è gratuita per i tesserati MSA. Per aderire cliccare qui.

Fonte: comunicato stampa MSA

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.