Rifiuta di mettere la mascherina e si lega al banco: studente sottoposto a TSO

scuola studente studenti

Uno studente di 18 anni ha rifiutato di indossare la mascherina in classe, arrivando anche a incatenarsi al banco per non essere portato fuori dall’aula, dopo che i docenti avevano cercato inutilmente di convincerlo a metterla oppure a uscire.

A quel punto la preside dell”istituto Olivetti di Fano ha chiamato il 118. E’ arrivata anche la polizia e dopo almeno due ore di trattative il giovane e’ stato caricato in ambulanza e portato in ospedale. Ma nel giro di qualche ora e’ stato sottoposto a TSO e ricoverato in psichiatria: al pronto soccorso del Santa Croce il 18enne avrebbe reagito con veemenza, con nuovo intervento della polizia e la decisione di ricoverarlo in psichiatria.

Da quanto si e’ appreso, il ragazzo ha una buona condotta in classe e un buon rendimento, ma sarebbe stato suggestionato da un 50enne, suo amico, che lo avrebbe convinto a procedere con azioni di protesta contro la mascherina.

Anche i genitori, subito avvertiti, non hanno potuto fare nulla per evitare il TSO. “Ho appreso delle dimissioni dal reparto di psichiatria dell’ospedale Muraglia di Pesaro del giovane studente di Fano, sottoposto a TSO perche’ si sarebbe rifiutato di indossare la mascherina al proprio banco di scuola.

La scadenza del ricovero era prevista per mercoledi’ prossimo, ma i sanitari hanno stabilito evidentemente che non sussistono le condizioni per proseguire ulteriormente la degenza coatta”. Lo annuncia il senatore della Lega Armando Siri definendo la vicenda “sconcertante, che ora andra’ chiarita nelle sedi opportune”.

“Interroghero’ il ministro competente – aggiunge – per avere ulteriori elementi a riguardo. Durante la mia visita di ieri ho avuto l’occasione di un colloquio con lo stesso giovane che ho trovato mite, tranquillo e riflessivo. Ben lontano dalle descrizioni sensazionalistiche riportare da alcuni giornali che lo indicavano come violento. Ringrazio per il tempestivo supporto l’assessore alla Sanita’ della regione Marche, Filippo Saltamartini, e l’assessore all’istruzione Giorgia Latini. Ora auguro al giovane – conclude Siri – di rimettersi al piu’ presto e di ritrovare una po’ di serenita’ in famiglia e con gli amici che gli hanno mostrato vicinanza e solidarieta’ durante questi giorni”.

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.