Record di posti vacanti, sono 112mila: senza modifiche al reclutamento solo 30mila assunzioni

Dopo l’avvenuta mobilità di circa 47mila insegnanti, si fa il conteggio dei posti residui. C’è poco da stare sereni: abbiamo 5.940 maestri della scuola dell’Infanzia, 23.538 della primaria, 38.884 docenti della scuola secondaria di primo grado e 44.329 del secondo grado. “Il numero potrebbe ancora subire delle piccole modifiche in caso di rettifiche ai movimenti, ma è già indicativo dell’alto numero di posti disponibili”. Sempre la rivista specializzata si chiede: “Le immissioni in ruolo saranno disposte su tutti i posti vacanti? Sarà il MEF a deciderlo”.

Ma il problema non è questo. Ammesso, infatti, che vengono autorizzate oltre 100mila immissioni in ruolo o addirittura tutte le 112mila vacanze di posti, mantenendo l’attuale assetto di reclutamento, previsto dal testo del decreto Sostegni-bis approvato dal CdM, il risultato sarebbe comunque assai modesto: ci ritroveremo, infatti, con una quantità ridicola di assunzioni a tempo determinato, di poco superiore alle 30mila unità. Si ripeterebbe, in pratica, quanto accaduto nel 2020, quando a fronte di oltre 84mila assunzioni accordate dal ministero dell’Economia, se ne sono poi concretizzate a malapena 20mila.

Non possono fare la differenza, purtroppo, la manciata di migliaia di immissioni in ruolo che arriveranno dai pochi precari rimasti nelle GaE e graduatorie di merito dei concorsi. E nemmeno dalla prima fascia Gps, ancora di più perché vincolate allo svolgimento di un triennio di servizio di cui non si comprende la necessità visto che parliamo di docenti già abilitati o specializzati e quindi abbondantemente selezionati e con titoli. Come decisamente insufficienti rimangono i 22mila, non molti di più, vincitori del concorso straordinario della scuola secondaria, considerando che il 30% dei posti messi a bando andranno persi per una selezione eccessiva ed ingiusta. Un motivo in più per scendere in piazza domani, 9 giugno, e chiedere quel cambiamento raggiunto con il Patto per la Scuola e negato però fino ad oggi dal legislatore.

COMUNICATO STAMPA ANIEF

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.