Nel Pnrr è scomparsa la formazione obbligatoria del personale docente

insegnante docente maestra maestro dirigente scolastico scuola docenti

ll Consiglio nazionale dell’ANDIS (Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici) “esprime perplessità e viva contrarietà rispetto alla formulazione del PNRR presentata alle Camere dove la formazione in servizio non compare, come nella precedente bozza, come “obbligatoria per tutto il personale scolastico” e dove si prevede una “struttura leggera e funzionale all’erogazione solo di corsi on line”, finanziata con risorse pari a 0,03 miliardi”.

E’ quanto si legge in un ordine del giorno votato nel corso dell’assemblea in video conferenza che si è svolta il 12 e 13 maggio, come comunica in una nota l’Ufficio Stampa di Andis.

“La formazione deve essere leva strategica e irrinunciabile di qualsiasi serio processo di miglioramento della nostra SCUOLA, per cui non può dipendere dalla volontaria disponibilità di ogni singola unità di personale. La formazione iniziale e in servizio, che non può essere solo ed esclusivamente ‘on line’, deve disporre di adeguati finanziamenti e di strutture di supporto permanenti e qualificate”.

“Il Consiglio nazionale dell’ANDIS richiede pertanto che sia ripristinata la definizione di formazione presente nella precedente bozza del PNRR, come ‘obbligatoria per tutto il personale scolastico’ e che siano sostanzialmente incrementati i fondi da destinare alla stessa formazione del personale, da implementare secondo percorsi e modalità da definire anche con il contributo delle associazioni professionali della scuola”, conclude l’Andis.

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.