“L’edu-didattica”, cos’è. Torniamo a fare solo i docenti! Alcuni suggerimenti

didattica insegnare insegna apprendimento scuola

L’edu-didattica coniuga una buona didattica con aspetti gestionali e relazionali fondamentali nell’insegnamento. Anticipa i problemi dell’aula e cerca, sempre a partire dalla didattica, soluzioni realistiche per migliorare l’’apprendimento e l’integrazione degli allievi. È basata su innumerevoli pratiche raccolte negli anni e sperimentate in classe dal nostro team.

In classe noi docenti siamo una sola persona, non siamo trini: il docente + il pedagogista/educatore + lo psicologo. In effetti a volte sentiamo di doverlo essere davanti a situazioni scolastiche e personali critiche degli allevi.

Rivolgiamoci in questi casi con fiducia ai dirigenti e agli altri specialisti della scuola.

Il docente è formato per fare il docente e non deve assumere ruoli che non gli competono; senza dubbio però il suo ruolo primario comporta anche delle grandi responsabilità educative.

L’edu-didattica si fonda principalmente su due binomi: da una parte relazione e gestione, dall’altra apprendimento e didattica.

L’insegnante è una persona sola che, al contempo, deve avere la capacità di gestire – in ogni classe e in ogni lezione – didattica e apprendimento, relazione e gestione.

Relazione e gestione e apprendimento e didattica sono parte unica di un processo che deve portare al successo l’allievo.

I seguenti fattori chiave coesistono e si rinforzano positivamente. Gli uni senza gli altri non sono efficaci e portano alla perdita dell’attenzione e del controllo in classe o alla paura negli allievi.

  1. La didattica senza apprendimento, senza relazione e senza gestione: genera noia, scarsa motivazione, vuoto, ansia.
  2. La relazione senza gestione, apprendimento e didattica: genera frenesia, gioco e in breve tempo noia.
  3. La gestione e la didattica senza relazione e senza apprendimento: portano a disciplina, rigidità, rabbia, scarsa motivazione.
  4. L’apprendimento e la relazione senza gestione e didattica: comportano il rischio di mancanza di regole, nessuna differenziazione (ognuno apprende come a quando vuole) e in genere vantaggi solo per gli allievi migliori.

Non si possono risolvere problemi gravi di apprendimento o di gestione senza operare al contempo su questi 4 fattori.

La didattica in edu-didattica deve essere variata e deve fare uso di metodologie e di strategie diversificate.

  1. Gli interessi degli allievi vengono integrati nelle lezioni dall’inizio o in itinere.
  2. Dopo ogni fase della lezione verificare con strumenti formativi “quanto hanno appreso gli allievi” prima di proseguire con le fasi e le lezioni successive”.
  3. Alcuni approcci e le metodologie attive si adattano meglio al concetto di edu-didattica, ma vanno assolutamente alternati a metodologie e strategie variate.

Per quanto riguarda l’ultimo punto della lista, il III., specifichiamo quanto sia necessario alternare validi metodi deduttivi a forme di lezione o a metodologie attive, come il “lavoro per percorsi didattici orientati al progettuale” e “la risoluzione di situazioni problema”.

Tuttavia queste forme di lezione attive contengono in sé una profonda contraddizione:

  • solo se gestiamo bene la classe possiamo utilizzare con flessibilità tutte le metodologie
  • gli “ambienti di apprendimento aperti” (Jonassen e Land, 2012) e le metodologie attive migliorano la relazione e di conseguenza la gestione.

Una buona relazione e gestione sono quindi indispensabili per una didattica “aperta” e variata. Allo stesso tempo non dimentichiamo che innumerevoli ricerche dimostrano come i contesti aperti, specialmente quelli progettuali o laboratoriali, favoriscono e migliorano la relazione tra docente e allievi (Potestio, 2017).

Il docente presenta all’inizio uno schema delle fasi della lezione (evidenziate con colori diversi): in questo modo anticipa le fasi di lavoro e quanta attenzione è richiesta per ciascuna.

Le fasi

Le fasi scritte alla lavagna o proiettate sono sottolineate o evidenziate con colori diversi; esempio basato su questo stesso articolo.

Fase 1: lettura individuale di questo articolo 10 minuti circa

Fase 2: discussione e analisi critica 10 minuti

Fase 3: rilettura a coppie 15 minuti

Fase 4: preparazione a coppie di materiali edu-didattici 10 minuti

Il colore indica il grado di attenzione richiesto.

  • la fase verde indica una fase in cui si richiede poca attenzione
  • la fase gialla indica una fase che richiede una concentrazione e un’attenzione media
  • la fase azzurra è una fase che richiede attenzione massima

Attenzione: una strategia deve rimanere semplice e interiorizzabile, non utilizzate troppi colori.

In pedagogia si parla, in effetti, di feed forward (Hattie, 2009), ossia di anticipatori che proiettano in avantiEssi rendono più consapevoli e capaci di autovalutarsi.

Fonte: OrizzonteScuola

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.