Da Draghi nessuno sconto: “Faremo tutto quello che è necessario per stare in classe a settembre”

mario draghi

L’obiettivo è tutti a scuola in presenza all’inizio della scuola. Tutto quello che è necessario è fatto e sarà fatto. Per il resto aspettiamo di discutere una serie di norme sulla scuola e i trasporti pubblici e ci rivediamo con il ministro Bianchi e il ministro Giovannini. Così il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri.

“Condivido assolutamente l’auspicio del premier Draghi, anzi più che un auspicio mi pare di capire che sia una decisione del Presidente del Consiglio. Siamo anche noi di questa idea. Naturalmente a questa affermazione devono seguire dei fatti e io penso che uno dei fatti”. Lo ha affermato all’Adnkronos Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi commentando le parole del presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa sul rientro in aula in presenza. “Un fatto che bisogna in qualche modo realizzare è quello relativo alla copertura vaccinale, altrimenti diventa difficile tornare in presenza perché questo significa che dobbiamo poter fare a meno del distanziamento, come ha detto anche il Cts nel suo parere”, ha concluso Giannelli.

“L’impegno di tutto il governo e’ per il rientro a scuola in presenza. Lo ha ribadito con chiarezza, questa sera, anche il residente Draghi. Le vaccinazioni sono un pezzo fondamentale di questo percorso. Vaccinarsi e’ un atto di responsabilita’ per la sicurezza di tutti” ha aggiunto il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, dopo la conferenza stampa del presidente del consiglio Mario Draghi.

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.