Con 12 coltellate il compagno ha strappato la vita di Ornella: la prof non aveva nemmeno 40 anni

ornella

Avrebbe compiuto 40 anni il prossimo mese di maggio Ornella Pinto, uccisa dal compagno con 12 coltellate. La donna, professoressa all’Istituto Alberghiero “Vittorio Veneto” di Scampia, Napoli, poco prima dell’alba, è arrivata in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli di Napoli in condizioni che i medici hanno subito giudicato gravissime. È stato necessario rianimarla più volte.

I due avevano una storia che andava avanti da sei anni e hanno un figlio minorenne. Dopo averla accoltellata, Giuseppe Iacomino, 43 anni, è fuggito, ma si è costituito, qualche ora più tardi alla stazione dei carabinieri di Montagabbione, a Terni. Ai militari dell’Arma, bussando al citofono, l’uomo ha detto di aver ucciso la compagna a Napoli. Nel pomeriggio, è stato sottoposto a fermo per omicidio volontario e per lui si apriranno le porte del carcere della città umbra.

L’aggressione è avvenuta poco prima dell’alba nel quartiere di San Carlo all’Arena. Colpita con 12 coltellate, soprattutto al torace, Ornella è arrivata in ospedale già in fin di vita. La donna è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico da parte delle équipe del Trauma Center e di Chirurgia toracica, ma è morta al termine dell’operazione attraverso la quale i sanitari hanno cercato di risolvere le profonde lesioni polmonari.La direzione strategica Cardarelli, attraverso il dg Giuseppe Longo, “esprime grande dolore per la perdita di questa giovane vita”. “L’ennesimo episodio di aggressione e omicidio nei confronti di una donna – sottolinea Longo – un gesto vile e di una brutalità inaudita. Fatti come questo dovrebbero spingerci a una riflessione profonda su quanto sta accadendo. Siamo vicini alla famiglia di questa giovane madre e a tutte le donne”.

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.