Bianchi: “Fare l’insegnante non può essere una scelta residuale”

patrizio bianchi ministro istruzione governo draghi

In una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, ha detto che per fare l’insegnante bisogna puntare su una comunicazione e orientamento efficaci già dall’università.

“Bisogna puntare anche sull’orientamento, ne stiamo ragionando con la ministra dell’Università Cristina Messa”, ha detto Bianchi. “Vogliamo che il mestiere di insegnante non sia una scelta residuale ma un percorso di vita, bisogna ridare dignità alla professione” ha aggiunto ancora.

Nelle linee programmatiche presentate poche settimane fa, Bianchi punta proprio sulla formazione: “tra le azioni correlate al PNRR è stata prevista la riforma del sistema di formazione in servizio per lo sviluppo professionale e di carriera del personale della Scuola.

La riforma mira a costruire un sistema di formazione di qualità in linea con gli standard europei, il cui coordinamento sarà affidato ad un organismo qualificato (Scuola di Alta Formazione) dotato di un comitato tecnico-scientifico che coinvolgerà INDIRE, INVALSI, Università italiane e straniere“.

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.