Addio caro prof Roberto, il Covid ha ucciso un maestro di vita

Il professor dell’istituto Fedi-Fermi Roberto Nania è morto a soli 63 anni dopo aver contratto il Covid alla fine di febbraio. L’ingegnere e insegnante di elettronica si è spento all’ospedale di Careggi dopo un lungo mese di lotta contro il virus racconta La Nazione.

“La vita di Roberto è stata un dono d’amore”, ha detto il parroco. “Ciascuno può riconoscere quanto preziosa è stata la sua vita per voi – ha continuato –. Ha donato qualcosa a ciascuno di voi. La vita di Roberto ha lasciato il segno”.

Roberto era un prof amato davvero, ai suoi studenti diceva “lasciate il segno“ ha detto un collega e amico – Amava ogni forma di arte e bellezza. Uomo intelligente capace di leggere tra le righe, di raccontare la storia dietro ogni persona. Ora sei partito per un nuovo viaggio”. Emozionanti le parole dei suoi studenti con cui stava preparando a gennaio, prima di ammalarsi, la maturità.

“Caro prof mai avrei pensato di vivere tutto questo – esordisce un suo alunno al Fedi-Fermi –. Avevi sempre una parola di conforto per ogni studente. Sei stato il nostro insegnante di vita. Ci spiegavi anche 800 volte gli argomenti in modo che li capissero tutti. Avevamo fatto una scommessa sull’esame, non abbiamo fatto in tempo a vedere chi avrebbe vinto”.

Entra subito in Pronti per la scuola!, il gruppo Facebook del Personale Scolastico più grande d'Italia. Ci trovi notizie dalla scuola, opinioni autorevoli e comunicazioni sindacali.